Spazio Lavit

spazioUn capannone in disuso alle porte della città rinasce grazie all’accurato restauro conservativo dell’architetto Anna Pedoja.  Un nuovo luogo per cultura, arte, spettacolo, fotografia ed eventi vari come feste, cene, presentazioni aziendali, sfilate e corsi. Lo Spazio Lavit è un accogliente ambiente di 300 mq che si avvale di cucina, camerini, due toilette,impianto video,audio,wi-fi e parcheggi. Passo carraio livello strada e mancanza di barriere architettoniche.
Il doppio accesso permette di agevolare il personale di servizio e l’eventuale scarico di merci. L’ingresso pedonale e carraio, è stato studiato ad hoc mantendendo le piastrelle d’origine dopo averle scurite con effetto micaceo. Dettaglio degno di nota, la presenza di una camera blindata per contenere opere di valore.
La trave portante, resa più leggera dagli intagli, è intesa come continuazione tra l’esterno e l’interno rappresentando un elemento di equilibrio architettonico. In basso, un avvolgicavo elettrico ha assunto la funzione di tavolo multifunzionale che, munito di rotelle può essere spostato a seconda delle esigenze del momento.
Il vecchio bancone da droghiere che funge da reception, ospita le sculture degli artisti che animano questo luogo e quando serve diventa banco bar per i vernissage. Lo spazio è anche dotato di un sistema di video proiezione e di audiodiffusione: dotato di un impianto all’avanguardia assicura la possibilità di tenere conferenze, discorsi di presentazione, serate musicali e recital.
Le pareti di colore neutro, attrezzate per l’allestimento mostre, ospitano di volta in volta opere pittoriche o grafiche dando risalto ad ogni materiale, grazie alla disponibilità di luci museali già predisposte.
Uno spazio senza barriere che può adattarsi ai generi artistici più svariati: arti visive contemporane, scultura e pittura; modelli da collezionismo e, naturalmente, fotografia.
Tutte le fotografie, le immagini e gli altri contenuti di questo sito sono di proprietà di Alberto Lavit e come tali sono tutelati dalle leggi sul diritto d'autore. E' pertanto vietato qualsiasi utilizzo che non sia stato espressamente autorizzato in forma scritta dall'autore. I trasgressori saranno puniti a norma di legge