Enrica Turri-Bonacina

Enrica  Turri-BonacinaENRICA TURRI BONACINA nasce a Somma Lombardo il 10 Gennaio 1917 e muore a Penasca di Varese nel 2005. E' stata allieva di Gino Moro


“Accennerò solo alla qualità del colore: un colore raffinato, sottile, direi quasi il colore del pensiero.” Sono queste le parole di presentazione delle opere di Enrica Turri, in occasione della mostra dell’aprile 1959 presso la Galleria Prevosti di Varese, da parte del suo maestro Gino Moro.

Enrica Turri entra in contatto con diversi artisti milanesi; la sua esperienza artistica, sin dall’inizio, si richiama proprio al “Chiarismo”, di cui Moro, De Rocchi e Spilimbergo sono stati tra i più autorevoli esponenti. Proprio nei dipinti di Enrica Turri, sia ad olio che ad acquerello, ritroviamo quella rivalutazione del dipingere “en plein air” con grande spontaneità, sensibilità ed individualità,

Dopo le prime collettive organizzate dal G.U.F. e le mostre Sindacali d’Arte Lombarda a Milano, gli anni della guerra vedono Enrica protagonista di alcune collettive organizzate a Varese, in un clima di vivacità artistica inusitato, viste le difficoltà del momento.

Gli anni del dopoguerra Enrica prosegue il suo “percorso artistico” e gli elementi intimi, gli spazi interni amati, gli affetti familiari vengono a rappresentare il suo grande interesse.

Dal 1958 si susseguono le sue Personali, le collettive con il Circolo degli Artisti di Varese, mostre insieme ad artisti in sintonia con il suo mondo nonché collettive all’estero.

 

Le opere di Enrica Turri-Bonacina

Tutte le fotografie, le immagini e gli altri contenuti di questo sito sono di proprietà di Alberto Lavit e come tali sono tutelati dalle leggi sul diritto d'autore. E' pertanto vietato qualsiasi utilizzo che non sia stato espressamente autorizzato in forma scritta dall'autore. I trasgressori saranno puniti a norma di legge